Dettaglio news

Shop

Ultimatum Climatico - Un Iceberg alla Deriva

L'Antartide comprende le terre e i mari che circondano il polo sud. Situatanell'emisfero australe, con una superficie complessiva di circa 14 milioni di km² è il quarto continente più vasto della Terra: il 98% del territorio è coperto dai ghiacci della calotta antartica, il cui spessore varia tra 1600 e 2700 metri.
È il luogo più freddo del pianeta e, con un volume medio totale di 26,6 milioni di km³, costituisce il 92% delle riserve di acqua dolce del pianeta. Alcuni studi hanno previsto che la completa fusione dei ghiacci dell'Antartide comporterebbe un innalzamento del livello degli oceani di circa 70 metri.

L'Antartide, assieme ai suoi ghiacci, ha un importante compito nell'equilibrio climatico-ambientale della Terra, visto che ogni variazione della calotta si ripercuote sull'equilibrio termico planetario, sulla circolazione oceanica e atmosferica, nonché sul livello del mare.
Florence Colleoni, ricercatrice del CMCC, in un recente articolo di Mauro Buonocore apparso su agi, dice che: "Recenti osservazioni satellitari mostrano che la calotta polare dell'Antartide, in particolare nella parte occidentale, si sta assottigliando. Si presume che tra le cause ci siano, sia un riscaldamentodell'oceano sottostante, che l'aumento delle temperature atmosferiche in superficie. [...] Tra gennaio e marzo (mesi dell'estate australe), non abbiamo visto traccia di banchisa. Alcuni fiordi della costa di Victoria Land che sono di solito chiusi dal ghiaccio, erano eccezionalmente aperti alla navigazione. E questo è un segnale preoccupante".

Anche se non si ha ancora la certezza assoluta che l'Antartide stia subendo gli effetti nefasti del surriscaldamento globale, i dati in nostro possesso ci dimostrano che quest'anno le temperature oceaniche rilevate lungo le coste antartiche sono state superiori alla media registrata negli ultimi 30 anni.

Un altro segnale preoccupante è arrivato tra il 10 e il 12 luglio scorsi.
La piattaforma Larsen C è la quarta più grande tra i ghiacci dell'Antartide, misura 50.000 chilometri quadrati. Da qui, con un processo iniziato anni fa, si è staccato uno degli iceberg più grandi mai registrati: 5800 km², mille miliardi di tonnellate di peso. Questo significa che, dopo il distacco definitivo dell'iceberg, la piattaforma ha perso oltre il 12% della sua estensione, cambiando per sempre il profilo della penisola antartica.
Secondo i ricercatori esiste un effettivo rischio che la piattaforma Larsen C sparisca del tutto, stesso tragico destino di Larsen B, disintegrata nel 2002 dopo un evento simile nel 1995.

Grazie ai satelliti radar Sentinel-1 della costellazione Copernicus dell’Agenzia spaziale europea (Esa), e ai satelliti della costellazione Cosmo-SkyMe, è stato possibile monitorare l'evolversi della frattura anche dallo spazio. Per adesso gli scienziati sono concordi nell'affermare che questo distacco non provocherà un innalzamento del livello dei mari nell'immediato, ma ciò che invece preoccupa sono le conseguenze sul paesaggio artico: secondo gli esperti saranno necessari anni per capire quanto questo evento possa aver influito sulla stabilità e l'integrità della banchina rimasta scoperta.

Ci possiamo rendere conto che qualcosa sta già accadendo: grazie ai satelliti sono visibili fiumi di acqua sciolta, evento assolutamente straordinario. per questa zona. Questo significa che in anni molto caldi, sempre più frequenti, la superficie dell'Antartide inizia a sciogliersi. Anche le correnti spingono le acque oceaniche calde verso le coste dell'Antartide, sciogliendo da sotto le piattaforme di ghiaccio.
Quindi, anche se il distaccamento di un iceberg, per quanto grande, da solo non basta a fornire una prova degli effetti dei cambiamenti climatici in corso, ci sono segnali sempre più evidenti che l'Antartide perde massa di ghiaccio.

Resta il fatto che "lo scioglimento dei ghiacci in Antartide - ricorda Paul Johnston, capo della Science Unit di Greenpeace International - è stato sempre riconosciuto come un ammonimento a tutto il Pianeta sui pericoli dei cambiamenti climatici e il collasso di questa calotta di ghiaccio, il terzo registrato in questa regione negli ultimi anni, è verosimilmente un altro segnale dell’impatto globale del clima che cambia".

Siamo ancora in tempo per evitare le disastrose conseguenze dei cambiamenti climatici, ma dobbiamo agire adesso.

"Le decisioni prese oggi da governi e aziende, - sottolinea Greenpeace - incideranno sulla sicurezza e il benessere futuri di miliardi di persone".

Be the Change. Il Futuro è Circolare.

Andrea Federigi

Per approfondire:

-https://it.wikipedia.org/wiki/Antartide

-https://it.wikipedia.org/wiki/Iceberg

-http://www.esa.int/Our_Activities/Observing_the_Earth/Copernicus/Sentinel-1/Sentinel_satellite_captures_birth_of_behemoth_iceberg

-http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/07/12/antartide-liceberg-da-record-si-stacca-le-immagini-dal-satellite-grande-due-volte-il-lussemburgo/3725177/

-https://www.agi.it/blog-italia/scienza/il_vero_significato_del_distacco_del_grande_iceberg_in_antartide-1954585/news/2017-07-13/

-http://www.repubblica.it/ambiente/2017/07/12/news/antartide_l_enorme_iceberg_si_e_staccato_e_uno_dei_piu_grandi_di_tutti_i_tempi-170608513/

-http://www.nationalgeographic.it/ambiente/2016/04/14/news/due_enormi_iceberg_alla_deriva_in_antartide-3052217/

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Ecco alcuni dei nostri servizi.

Ultimatum Climatico - Iceberg Larsen C
Ultimatum Climatico - Iceberg Larsen C
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.